Categorie
analfabetismo Bibbia Buddhismo CHiesa Comunicazione Corano cristianesimo cultura ebraismo Educazione europa guerra islam libri sacri religione Scintoismo storia Talmud teologia Vangelo Varia umanità

Le religioni,le parole, l’interpretazione, il dominio che si giova dell’ignoranza.

IMG_8003

Giordano Bruno non sarebbe piaciuto a Daech ai sionisti, agli emiri, agli ulema e agli imam
 così come non piacque alla Chiesa Cristiana.

Ancora una  riflessione che mi fa eco sulle religioni e sulla loro benefica o nefasta influenza nella storia dei popoli. I pensieri sono indotti vieppiù dalle tragedie dell’Europa, del Medio Oriente e del Mondo in nome delle religioni, delle superstizioni e di talune ideologie, non ultima quella del mercato. Il linguaggio dei testi che riportano la voce e le narrazioni di uomini che sostengono (senza prova alcuna) di aver ricevuto messaggi da una divinità o da chi parlasse in suo nome (!!) e rivolte ad altri uomini è importantissimo e spesso non occorre interpretare nulla per quanto è chiaro, senza ricorrere alle metafore. Le frasi composte da soggetto, predicato e complemento che si ripetono come mantra, giaculatorie, cantici, sure o rosari non si prestano a dubbi. Basta leggere e capire la lingua. La lettura dei testi è fondamentale e l’invito ad approfondire commentari chiose  o la scusa di una interpretazione autentica, nascondono spesso profonde ambiguità di comunicazione, ipocrisia e mala fede. Se i testi si dice fossero stati scritti per il popolo  giocoforza dovrebbero essere più che chiari ed immediati. Piuttosto occorre collocare la lingua nei tempi in cui ha avuto origine e in quelli in cui è stata revisionata o trasformata per adattarla ai mutamenti dell’umanità. La questione è solo nella lingua e nei costumi che si evolvono, seppure non dovunque e per chiunque.

IMG_0552

Alcune frasi e precetti  sono inequivoci e non si prestano ad altre  interpretazioni se non la semplice lettura. Andrebbe  ribaltato spesso il loro significato pregno di superstizione e iniquità, riportato alla natura e aggiornato nella scienza e nella storia,  per dire che:

  • i popoli non si rivolgono ad un solo dio, che questo non ha l’esclusiva (anche perché è elevatissima la probabilità che non esista affatto…) e  si ha la libertà assoluta anche di non credere se non nella natura,
  • nessuno può uccidere o perseguitare nessuno in nessun caso e per nessuna ragione, tanto meno se crede in altro o non crede affatto,
  • non bisogna solo fare l’elemosina per sentirsi a posto con la povertà ma bisogna combatterla insieme alla ricchezza spesso frutto di crimini anche disgustosi,
  • la proprietà, anche ereditata, è un furto quando acquisita con sfruttamento, dominio e prevaricazione,
  • solo se uno lo desidera e lo sente profondamente deve pregare ogni giorno e visitare santuari e città sante,
  • la religione è un fatto privato e non può esistere una legge di qualsiasi sito ad essa ispirata

 

IMG_7384

In tutte le comunità, le famiglie e le scuole del mondo dovrebbero essere insegnati questi principi.

Forse qualcosa cambierebbe?

Giuseppe Campagnoli

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.