Categorie
Educazione

Scienza e coscienza

«La scienza è talvolta usata contro se stessa»

Basandosi sul concetto di «ignoranza prodotta», Mathias Girel, filosofo, decodifica i meccanismi che hanno permesso a industriali o lobbisti di manipolare la verità scientifica per decenni.

INTERVISTA RACCOLTA DA O.MO. per LIBERATION 16 Febbraio 2021

Perché ci si dovrebbe interessare all’ignoranza? Mathias Girel, filosofo delle scienze alla Scuola normale superiore, si è specializzato nello studio di ciò che non si sa: perché non lo si sa e quali sono le conseguenze di questa mancanza di sapere. Ha svolto il ruolo di consulente scientifico per il documentario La Fabrique del‘ignorance d’Arte (leggi a fianco) diffuso in anteprima su Libération.fr.

CHE COSA RENDE QUESTA NOZIONE DI IGNORANZA IMPORTANTE NEGLI ATTUALI DIBATTITI?

È una questione importante, perché la nostra società ha bisogno di conoscenze affidabili per prendere decisioni, a livello individuale o collettivo. Quando questo corpus di conoscenze viene attaccato, subiamo collettivamente una forma di pregiudizio.

IL TERMINE «FAKE NEWS» SI È IMPOSTO, MA SI PARLA DI «IGNORANZA PRODOTTA». CHE COSA SI  INTENDE CON QUESTO TERMINE?

Ci sono diversi tipi di ignoranza. La prima definizione è, beninteso, ciò che non si sa, che altri lo sappiano o meno. Ma ciò che ci interessa qui è l’ignoranza non più come uno stato, ma come un effetto, e quindi l’ignoranza prodotta, intenzionalmente o meno.

CHE DIFFERENZA C’È TRA FAKE NEWS E INFOX?

Spesso la scienza è talvolta utilizzata contro se stessa per mantenere l’ignoranza o la confusione. Queste strategie, al contrario del complotto, non rimettono in discussione il valore del vero e della conoscenza. Cercano di indebolire la verità per renderla inutilizzabile nello spazio pubblico. Il complotto e l’informazione vanno oltre. È l’orizzonte del vero che scompare. Non è più prioritario sapere se ciò che si dice è coerente con gli altri fatti noti o riflette una qualche realtà. Questo fatto è stato molto ben incarnato da Donald Trump, che non era affatto disturbato dal fatto di contraddire se stesso da un’ora all’altra.

L’elemento comune è la scomparsa dello spazio pubblico. Ogni comunità inizia ad avere i propri fatti, e lo spazio di scambi e di discussioni si riduce. Nessuno ha il monopolio di questo atteggiamento: i più ardenti difensori dell’idea che una dichiarazione scientifica è sempre carica, politicamente e ideologicamente, non vengono necessariamente dalla sinistra, come spesso si crede, ma militano ugualmente nelle fondazioni ultraconservatrici. Sono i climatoscettici o gli evangelici che hanno scelto, nel dibattito pubblico, di fare di alcuni argomenti scientifici altrettanti elementi di una guerra delle culture, negli anni 1990-2000.

I CONSUMATORI O I CITTADINI SONO VERAMENTE GLI OBIETTIVI PRIORITARI DEI PRODUTTORI DI IGNORANZA?

I politici sono i bersagli privilegiati. Quando i produttori di sigarette fanno ricerche su altre cause di cancro ai polmoni oltre il fumo di sigaretta, l’obiettivo è quello di indurre nei responsabili delle decisioni l’impressione di un assunto scientifico controverso in materia, al fine di far loro rinviare o addirittura abbandonare l’idea di legiferare. Allo stesso modo, in tribunale, l’obiettivo è quello di generare un ragionevole dubbio nella mente del giudice o dei giurati,  dicendo che talune  imprese non sono contro la scienza, in quanto finanziano la ricerca. Esiste un’altra forma più sottile di ignoranza prodotta: si tratta di cercare di non produrre una conoscenza che potrebbe diventare «scomoda». Si parla allora di ignoranza «strategica» e di scienza incompleta.

I DIBATTITI SULLA SCIENZA VERTONO MOLTO RAPIDAMENTE SUI CONCETTI DI «BUONA SCIENZA» E «CATTIVA SCIENZA». COSA C’È DIETRO QUESTI TERMINI?

Ho lavorato sul significato termini opposti di junk science («cattiva scienza») e sound science («buona scienza», «scienza solida»). Per me, sono strumenti retorici più che descrittivi. Se denigrate un intero campo scientifico, non avete più bisogno di discutere argomento per argomento. Non c’è bisogno di una dimostrazione su cosa è sbagliato e perché. Basta dire che è il prodotto di una scienza politicizzata e isterica.

MOLTI SCIENZIATI FANNO COMUNELLA CON GLI INDUSTRIALI PERCHÉ CONDIVIDONO DETERMINATI VALORI SULLA SCIENZA, IL PROGRESSO…

Il fatto di sottoscrivere insieme un certo numero di valori non significa che si sia d’accordo con tutto ciò che si fa in nome di questi valori. Ricordiamo come l’appello di Heidelberg nel 1992 [a margine del vertice della Terra a Rio, 4.000 scienziati e accademici invitano a prendere decisioni politiche basate «su criteri scientifici e non su preconcetti irrazionali», ndr] illustra bene questa tensione. Come scienziato, si può essere d’accordo con quasi ogni riga del testo. Ma il contesto è importante. Oggi si sa che i promotori di questo appello, vicini alla lobby dell’amianto, avevano l’obiettivo di arrestare la crescita delle scienze ambientali. Credo inoltre che occorra distinguere ciò che rientra nella scienza e nella sua applicazione. Per esempio, la strategia contro il Covid prevede di isolare i pazienti con virus e i loro casi di contatto per evitare la trasmissione. Molto bene. Ma ci sono diversi modi per farlo, alcuni dei quali possono coinvolgere maggiormente le  i cittadini,le asssociazioni etc. Tale obiettivo corrisponde a numerose politiche possibili, che meritano di essere discusse democraticamente.

SI PARLA MOLTO DEL DECLINO DELLA SCIENZA. DOBBIAMO INVESTIRE DI PIÙ?

Ovviamente abbiamo bisogno della scienza. Questa pandemia lo sta ricordando fortemente.In un anno siamo riusciti ad acquisire conoscenze considerevoli su questo virus. Siamo riusciti a sviluppare non uno, ma diversi principi vaccinali efficaci. Bisogna dirlo, è una difficile impresa scientifica e industriale. 

Trovo preoccupante, per le società che si definiscono «società della conoscenza», il bassissimo investimento pubblico e privato nella ricerca in rapporto al PIL. A volte è necessario molto tempo per affrontare e risolvere alcune questioni. A tal fine, numerosi laboratori pubblici insistono sulla necessità di finanziamenti ricorrenti e di personale stabile allo scopo di  costruire un tipo di ricerca integrata e permanente oltre che efficace.

Categorie
Corano cristianesimo cultura ebraismo istruzione mercato migrazioni Mondo Arabo potere povertà religioni saggezza Varia umanità

L’epidemia della Sharia.Istruzione e cultura uniche armi.

IMG_0019

Education, job, freedom and peace against violence of sharia, religions and global markets.

Non sto qui a spiegare che cosa sia la Sharia. Bastano Wikipedia e tutte le conferenze e gli scritti che ne trattano in giro per il mondo. Invece vorrei associarmi ad una idea che, se perseguita e sviluppata, potrebbe disinfestare il mondo dal terrorismo e dalle farneticazioni di tipo islamico. Le armi vincenti saranno l’istruzione, la cultura e il lavoro.

Massicce infusioni di conoscenza ed istruzione faciliteranno la strada verso il lavoro, la salute e la pacifica convivenza attraverso la liberazione totale dalle nefaste credenze e superstizioni ancora legate all’ignoranza delle tribù di pastori del deserto di tanti secoli fa o delle congreghe chiesastiche dell’occidente.

1E6EB6F1-1387-4D31-800F-C0FB7E37EB73

Categorie
analfabetismo Bibbia Buddhismo CHiesa Comunicazione Corano cristianesimo cultura ebraismo Educazione europa guerra islam libri sacri religione Scintoismo storia Talmud teologia Vangelo Varia umanità

Le religioni,le parole, l’interpretazione, il dominio che si giova dell’ignoranza.

IMG_8003

Giordano Bruno non sarebbe piaciuto a Daech ai sionisti, agli emiri, agli ulema e agli imam
 così come non piacque alla Chiesa Cristiana.

Ancora una  riflessione che mi fa eco sulle religioni e sulla loro benefica o nefasta influenza nella storia dei popoli. I pensieri sono indotti vieppiù dalle tragedie dell’Europa, del Medio Oriente e del Mondo in nome delle religioni, delle superstizioni e di talune ideologie, non ultima quella del mercato. Il linguaggio dei testi che riportano la voce e le narrazioni di uomini che sostengono (senza prova alcuna) di aver ricevuto messaggi da una divinità o da chi parlasse in suo nome (!!) e rivolte ad altri uomini è importantissimo e spesso non occorre interpretare nulla per quanto è chiaro, senza ricorrere alle metafore. Le frasi composte da soggetto, predicato e complemento che si ripetono come mantra, giaculatorie, cantici, sure o rosari non si prestano a dubbi. Basta leggere e capire la lingua. La lettura dei testi è fondamentale e l’invito ad approfondire commentari chiose  o la scusa di una interpretazione autentica, nascondono spesso profonde ambiguità di comunicazione, ipocrisia e mala fede. Se i testi si dice fossero stati scritti per il popolo  giocoforza dovrebbero essere più che chiari ed immediati. Piuttosto occorre collocare la lingua nei tempi in cui ha avuto origine e in quelli in cui è stata revisionata o trasformata per adattarla ai mutamenti dell’umanità. La questione è solo nella lingua e nei costumi che si evolvono, seppure non dovunque e per chiunque.

IMG_0552

Categorie
analfabetismo giuseppe campagnoli innovazione istruzione Italia la buona scuola La Stampa lingua ministro dell'istruzione pedagogia religione religioni riforme Scuola Scuola italiana Stampa Varia umanità

Buonasera.Otium et religio.

La buona scuola. “L’ora di otium”. Ancora una volta Massimo Gramellini “buongiorna” sulla scuola. Noi abbiamo scritto di scuola un articolo si e l’altro pure. Se qualcuno ci leggesse forse ne trarrebbe qualche giovamento, vista la nostra esperienza. La lingua italiana è una materia fondamentale della formazione e dell’istruzione nella nostra scuola. Il fatto che sia stata minimizzata, che sia insegnata malamente, che non si faccia più dettato, riassunto e analisi logica a vantaggio dell’articolo di giornale, del saggio breve, della critica storica e artistica o che non si facciano parlare in pubblico gli studenti “dal muretto”  non vuol dire che si possa usare l’ora di “socialità” per compensare queste carenze né per recuperare la capacità di dialogo e di  sana relazione interpersonale che dovrebbe iniziare dai nuclei o dalle tribù familiari che hanno per Costituzione la responsabilità “in educando”. Non mi stancherò mai di ripetere come noi, generazione anni ’50, prima della malefica riforma della scuola media del 1963 alla fine della terza leggevamo e capivamo senza problemi il “Moby Dick” di Melville tradotto da Cesare Pavese!

Categorie
analfabetismo cristianesimo ebraismo guerra islam religione

Guerre di religione?

di Giuseppe Campagnoli Giuseppe-Campagnoli

images-2

Dobbiamo ancora assistere alla violenza, fisica, economica o sociale che siano, in nome e per conto di una o più divinità di cui non è dato sapere. Anche l’arte, accanto alla rappresentazione delle cose degli uomini  ha spesso disegnato (quando fosse concesso dai dogmi e dalle leggi iconoclaste degli uomini) le figurazioni di chi ci eravamo inventati. L’homo sapiens doveva supplire alla  ragione che non poteva trovare spiegazioni plausibili. Queste, nel tempo, sono arrivate dalla scienza e allora, quasi tutte le credenze si sono comodamente e prontamente adattate allo stato mutato delle cose. La fantasia applicata  al mistero ha generato capolavori in tutto il mondo ma la realtà poi è cambiata ancora e oggi la rappresentazione di divinità e profeti obsoleti anche per chi non sia propriamente colto è sempre diminuita se non oggi, quando è diventata invece pericoloso e pretestuoso “casus belli”. L’arte che si occupa di religione oggi, infatti, con grandissimo coraggio è quella della satira scritta e disegnata. I capi delle religioni più potenti però, se da una parte si combattono per vie traverse o per interposte persone, dall’altra si mostrano concordi nel condannare il riso, seppure sempre innocuo, delle cose sacre. Ricordo come un mio zio vescovo, compianta e rara  eccezione nel mondo della chiesa, ridesse con noi delle barzellette sulle cose sacre, credo perché le ritenesse anche profondamente umane e tutto sommato rispettose delle convinzioni altrui, davvero ben poco solide se fossero state colpite da innocue parodie. Sentire parlare non più di arte ma di guerra fa veramente male. Sentire indicare gli uomini come cristiani, ebrei o musulmani come se fosse un insulto fa ancora più male e ci fa rivolgere alla storie delle filosofie per cercare di comprendere le ragioni storiche di questo presente.

FullSizeRender

Categorie
Varia umanità

“Preferirei di no”.

di Angela Guardato Angela-Guardato

untitled
E. Munch, L’urlo, 1893

Forse non tutti conoscono la storia del signor Bartleby.

Bartleby è il personaggio di un breve racconto di H. Melville, quello di Moby Dick, per intenderci. Bartleby viene assunto, un bel giorno, per lavorare in uno studio legale di Wall Street nella New York di fine ‘800. Bartleby fa lo scrivano. Fa il suo lavoro e basta, passivamente, non ha un nome di battesimo, non ha un passato, non mangia quasi nulla, solo focacce allo zenzero, non esce mai dall’ufficio, non accetta denaro, non accetta aiuto da nessuno. Non ha quasi una vita. Bartleby, a qualsiasi richiesta differente dal solito gli venga fatta, risponde perentorio: “Preferirei di no”. Poi, un giorno, comincia a non voler più svolgere neppure le sue precipue mansioni di scrivano e a rispondere: “Preferirei di no”. Il datore di lavoro, uomo fino all’arrivo di Bartleby sereno, mondano, ottimista e fiducioso, finisce spazientito per dover licenziare quell’uomo torvo che ha riempito il suo ufficio di negatività, diversità, asocialità. Ma Bartleby non vuole lasciare lo studio dove ormai vive, senza mai uscirne, da tanto tempo, e così il datore di lavoro è costretto a trasferirsi, cambiando, lui, studio. Anche ai nuovi inquilini, che gli chiedono di andarsene lui risponde “Preferirei di no” e saranno, loro, costretti a far arrestare Bartleby per vagabondaggio. Anche in carcere Bartleby parlerà pochissimo e finirà per decidere di rispondere “Preferirei di no” anche al mangiare, lasciandosi così morire di fame. Lasciando per sempre quel mondo a cui non era mai veramente appartenuto, e a cui non era mai veramente sottostato. Il vecchio datore di lavoro, dopo aver cercato di aiutarlo, e venuto a conoscenza del suo precedente lavoro, cioè occuparsi delle lettere smarrite, finisce per ipotizzare con tristezza che questo possa averlo portato alla depressione ed al suo stranissimo comportamento, che lo ha poi condotto alla morte.

Categorie
Ecomomia Educazione Politica Scuola Sociale

Non è mai troppo tardi.

di Giuseppe Campagnoli Giuseppe-Campagnoli

Photogen_AEF015

Alcuni esperti, allarmati per il crescente fenomeno dell’analfabetismo funzionale di ritorno nella popolazione italiana, a partire addirittura dagli anni ’60  (come effetto delle riforme della scuola di allora) propongono una soluzione che a me non pare del tutto peregrina. Si tratterebbe di richiamare ciclicamente ( come per il servizio militare!) i cittadini ad un test di competenze linguistiche, scientifiche, artistiche e di cultura generale, a partire dalle classi di oggi retrocedendo negli anni fino a quando il test non dia risultati statisticamente accettabili. Chi non superasse il test (costruito su rigorosi  parametri internazionali) dovrebbe, per riprendere la propria attività nella società civile, frequentare un corso, per così dire, di riabilitazione e conseguire una specie di “patente” valida per un periodo da  stabilire. Quanti sarebbero quelli non idonei? E quanti tra chi si occupa di politica, impresa, comunicazione e cultura? Le sorprese sarebbero infinite. Ma l’investimento in questa operazione sarebbe l’indispensabile avvio del risanamento della scuola e della società italiane. Una provocazione? Forse. Ma non tanto. Credo anch’io fermamente che l’ignoranza sia all’origine di tutti i nostri mali attuali e che debba essere combattuta con coraggio e con ogni mezzo.

Giuseppe Campagnoli