Categorie
europa istruzione Scuola Sociale università welfare

M’illumino di Erasmus.Luci ed ombre.

logo_e-univ_fetta-1024x369

Image.ashx.pngA trent’anni dall’istituzione del progetto possiamo dire per esperienza diretta che non è tutto oro quello che riluce nelle esperienze Erasmus. Tempo fa (2012) raccontammo le peripezie degli studenti Erasmus in cerca di alloggio e tra le burocrazie per avere riconosciuti i propri studi all’estero, le disforie valutative e classificatorie dove l’Italia non faceva sempre una bella figura. Oggi, in tempi di Erasmus “plus” e di trentennali, al di là delle statistiche, dei reportages trionfalistici e dei pur veri ma non diffusissimi benefici per la crescita personale e l’occupazione, racconteremo un’altra storia ricorrente che può essere letta anche come metafora traversale del liberismo che permea la progettualità europea, le borse di studio e lavoro, gli scambi e gli stages. Uno studente normale, di una famiglia borghese percepisce l’Erasmus come una opportunità non a buon mercato e irta di ostacoli, uno studente privo di mezzi semplicemente ne è escluso. La selezione per assegnare la borsa è aleatoria come tutte le competizioni in ambito scolastico e, dai racconti inviatici, pare  dipendere più da fattori discrezionali e casuali che di merito. Non sono pochi, alla fine, quelli che rinunciano anche a fronte di una forte domanda e di scarsa disponibilità di posti, cose che farebbero suggerire un forte correttivo nel rapporto tra risorse e numero di borse da assegnare. Quando si accetta e si decide di partecipare comincia qualche guaio, sovente più sopportato dalla famiglia che sponsorizza che dallo studente.

Gli oneri.

Tra gli oneri per l’alloggio  ( di cui avevamo parlato in un articolo su educationdue.0 di quasi 4 anni fa) dove l’offerta istituzionale è scarsissima e con criteri assai esclusivi e quella privata una vera giungla piena di insidie (truffe, scarsa trasparenza, prezzi esorbitanti se non si volesse solo un giaciglio, rare garanzie..) e quelli per il soggiorno , specialmente se in una grande città, il costo medio mensile (compreso il viaggio) difficilmente  scende sotto i 1000 Euro, mentre i contributi della borsa raramente ne coprono più di un quarto! Un soggiorno studio di un semestre può venire a costare anche 6-7000 Euro  a fronte di un contributo, se va bene, di 1500-2000 Euro. Queste sono le pari opportunità ed il diritto allo studio nella nostra Europa.

Lo studio

Le dolenti note sono anche nella parte che riguarda il piano di studi ed il riconoscimento delle attività svolte all’estero. Spesso occorre fare una trattativa preventiva, estenuante e spesso deludente, tra l’università di partenza e quella di arrivo, a dispetto della Carta dello studente Erasmus. Se andrà bene, dopo aver fatto lo slalom tra le mancate corrispondenze delle materie di un analogo corso di studi, le prosopopee accademiche e didattiche dei rispettivi dipartimenti universitari che non agevolano la trattativa, si arriverà ad un compromesso al forte ribasso che vedrà riconosciuti allo studente crediti ed esami per meno della metà di quello che avrebbe potuto acquisire nella sua università, un compromesso che, a volte, genera un prolungamento, al rientro, del periodo di studi fin oltre il corso regolare. Unici benefici certi, ma non accademici, lo scambio di esperienze di vita e di studio con altri studenti, l’esercizio della lingua straniera, e il non trascurabile divertimento!

Il lavoro da studente

Molti studenti, per integrare il budget offerto dall’università e alleviare gli sforzi della famiglia cercano lavoro part-time. Il loro status di studenti si rivela spesso una manna per i datori di lavoro (soprattutto multinazionali) che approfittano della temporaneità del rapporto per annullare quasi del tutto garanzie e protezioni sindacali e tutele contro i fenomeni dello sfruttamento e del mobbing. Le università ospitanti, seppure agevolino sulla carta la ricerca e lo svolgimento di un lavoro mettendo a disposizione degli studenti (come per la ricerca dell’alloggio!) presso i loro siti servizi di ricerca di occupazione, nei fatti ostacolano con mezzi diversi ( organizzazione di tempi, aleatorietà degli orari delle lezioni, rigidezze nelle attività didattiche, di studio e di valutazione, disforie dei docenti) la possibilità di lavorare.

Le esperienze

Abbiamo tratto le informazioni e le storie da diverse esperienze effettuate in Spagna, Gran Bretagna, Finlandia, Francia e Germania. Per una stima approssimata, dedotta dai racconti, del rapporto qualità-costi e profitti del mercato sulle esperienze, la classifica sembra una ovvietà e uno stereotipo. Ai primi posti Germania e Finlandia, scendendo dalla Gran Bretagna verso l’Italia (!) la Francia e la Spagna. Se la classifica usasse come parametro la bella vita e il divertimento, si invertirebbe. Come si può ben capire l’Erasmus studio non è per i poveri, come del resto spesso accade per gli studi universitari soprattutto di qualità. L’Erasmus è una spia  attendibile della situazione europea degli studi superiori e del diritto allo studio:  le università private e pubbliche esclusive e di eccellenza sono appannaggio dei benestanti, mentre gli altri si debbono accontentare dell’università sotto casa e a basso costo e faranno presumibilmente parte di quella fascia che faticherà non poco a trovare un lavoro all’altezza dei loro studi a partire dai 5 anni successivi alla laurea. Il neoliberismo è attualmente la parola d’ordine, spesso sottotraccia, dell’ Europa economica e politica e passa anche attraverso l’Erasmus che ha i suoi lati positivi, forse quelli non voluti. E piove sempre sul bagnato.

Giuseppe Campagnoli

Le immagini sono tratte dal sito dell’Agenzia Nazionale Erasmus+

Categorie
analfabetismo Bibbia Buddhismo CHiesa Comunicazione Corano cristianesimo cultura ebraismo Educazione europa guerra islam libri sacri religione Scintoismo storia Talmud teologia Vangelo Varia umanità

Le religioni,le parole, l’interpretazione, il dominio che si giova dell’ignoranza.

IMG_8003

Giordano Bruno non sarebbe piaciuto a Daech ai sionisti, agli emiri, agli ulema e agli imam
 così come non piacque alla Chiesa Cristiana.

Ancora una  riflessione che mi fa eco sulle religioni e sulla loro benefica o nefasta influenza nella storia dei popoli. I pensieri sono indotti vieppiù dalle tragedie dell’Europa, del Medio Oriente e del Mondo in nome delle religioni, delle superstizioni e di talune ideologie, non ultima quella del mercato. Il linguaggio dei testi che riportano la voce e le narrazioni di uomini che sostengono (senza prova alcuna) di aver ricevuto messaggi da una divinità o da chi parlasse in suo nome (!!) e rivolte ad altri uomini è importantissimo e spesso non occorre interpretare nulla per quanto è chiaro, senza ricorrere alle metafore. Le frasi composte da soggetto, predicato e complemento che si ripetono come mantra, giaculatorie, cantici, sure o rosari non si prestano a dubbi. Basta leggere e capire la lingua. La lettura dei testi è fondamentale e l’invito ad approfondire commentari chiose  o la scusa di una interpretazione autentica, nascondono spesso profonde ambiguità di comunicazione, ipocrisia e mala fede. Se i testi si dice fossero stati scritti per il popolo  giocoforza dovrebbero essere più che chiari ed immediati. Piuttosto occorre collocare la lingua nei tempi in cui ha avuto origine e in quelli in cui è stata revisionata o trasformata per adattarla ai mutamenti dell’umanità. La questione è solo nella lingua e nei costumi che si evolvono, seppure non dovunque e per chiunque.

IMG_0552

Categorie
analfabetismo Charlie Hebdo cittadini Corano cristianesimo cultura ebraismo Educazione europa geopolitica guerra immigrazione intolleranza islam Satira scienza Scintoismo Varia umanità

ReseArt e Charlie Hebdo

Helwa ya baladi. Versione strumentale pop.

“Per il mio dolce paese”

 

Ubi maior minor cessat…Ma ognuno contribuisce ad usare la satira per combattere la cieca violenza in nome della superstizione e delle bugie degli uomini per sottomettere altri uomini. Un collage di cultura contro la non cultura e la barbarie.

  
  

Categorie
Costume cristianesimo cultura ebraismo Educazione Educazione all'arte europa intolleranza islam istruzione Italia Letteratura Libri libri sacri Mondo Arabo religioni scienza Scintoismo storia Varia umanità

Buonasera.Possiamo dirci anche.

IMG_6540

Gli "alieni" piceni

D’accordo con Massimo Gramellni sul concetto del “Non possiamo non dirci”. Aggiungerei però altresì che, grazie alla nostra complessa storia, all’arte, all’architettura ed ai sedimi culturali in genere possiamo anche dirci figli solidi della cultura italica, etrusca, romana, greca, latina, fenicia, cartaginese, araba, celtica, longobarda e così via. Quanti secoli la grecia, gli etruschi e l’impero romano? Quanti secoli la chiesa cristiana e l’impero? Quanti secoli l’impero ottomano?  Le religioni fanno parte di queste culture ma la conquista rivoluzionaria del progresso illuminista e laico sta nel fatto che la credenza deve essere finalmente una libera scelta privata e personale. I nostri capolavori d’arte sono stati possibili quasi esclusivamente dal dominio temporale di una religione, di un impero o di entrambi indistinti,  sulle genti e spesso non da libere scelte espressive. Ma l’arte si mostra anche e soprattutto nel dolore, nella sofferenza e nelle contraddizioni. Noi siamo quello che siamo stati e solo quando i segni delle religioni travalicano il valore confessionale allora diventano cultura e storia insieme  a tutte le altre componenti non religiose. Il nostro paese avrà una parte, integrata storicamente e culturalmente, di altre religioni e culture quando, in virtù delle radici delle popolazioni che saranno vissute per secoli insieme, si saranno consolidati e saranno diventati parte della storia italiana e anche europea i segni e i valori di altre culture e tradizioni. Non è ancora l’ora. Sappiamo  che la storia si muove lentamente et natura non facit saltus. Resta comunque il valore intimo e personale da attribuire a tutte le credenze con l’imperativo che rispettino la libertà e la dignità di tutte le donne e di tutti gli uomini, senza le eccezioni contenute proditoriamente in  quelle fedi nelle “favole rivelate” non si sa da chi. E infine resta l’imperativo che lo stato, la cultura e l’istruzione debbono avere uno spirito profondamente laico.

2 Dicembre 2015

Categorie
Education Erasmus europa LLP mobilità Scuola studenti università

Erasmus 3.0.

Unknown

Prendo spunto da un articolo su l’Internazionale intitolato “Cinque grafici dicono che l’Erasmus è la cosa giusta da fare” per confutare parzialmente i concetti espressi e soprattutto per ribadire la necessità di diffidare della pseudoscienza statistica che dà una visione parzialissima della realtà e della sua complessità. La mia esperienza nel campo dell’educazione e dell’istruzione, nonché del merito, mi conferma ad ogni piè sospinto che piove sempre sul bagnato e che in realtà anche l’Erasmus è una iniziativa molto “di classe”. Anche i nostri meritevoli e capaci che usufruiscono di borse e sussidi (ammesso e non concesso che le loro dichiarazioni dei redditi familiari non siano fallaci e truffaldine!) quando “vincono” una borsa Erasmus entrano in un mare di guai. Nulla da dire sulla bontà dei principi e sull’efficacia dello studiare e del vivere per mesi all’estero, sulla crescita personale e sull’esercizio all’autonomia ed alla risoluzione di problemi. Molto da dire sul rispetto dei diritti sanciti dalla Carta degli studenti Erasmus che per lo più resta “sulla carta”. Abbiamo già raccontato in passato una storia significativa. Molte altre ce ne sono state raccontate di simili. Fatto sta che se uno studente proveniente anche da una famiglia di media borghesia deve affrontare questa esperienza si trova difronte a tre ostacoli non indifferenti: la ricerca di un alloggio a prezzi non esosi, il costo della vita nella città ospitante, l’aleatorietà della garanzia di riconoscimento del percorso di studi effettuato all’estero dalla propria università. Il contributo dell’università al “vincitore” della borsa è a dir poco ridicolo: in genere non riesce a coprire nemmeno un quinto del spese che lo studente dovrà sostenere nel periodo di studi all’estero. La ricerca di un alloggio dignitoso anche per uno studente, non rischioso e a prezzi sostenibili è una specie di odissea che spesso non si conclude con successo. Si è preda facilmente di truffe, approfittatori, consorterie religiose e laiche, siti dedicati e applicazioni, tutti pronti a lucrare sugli studenti. E quanto più la città ospitante è grande e prestigiosa tanto più la situazione si aggrava. Quasi mai si riesce ad usufruire di servizi residenziali dell’Università che sono in genere riservati a pochi, quando ci sono. Chi ne fa le spese nella maggior parte dei casi è lo sponsor investitore: la famiglia che deve aggiungere ulteriori sacrifici a quello che già fa per mantenere il figlio all’università, magari fuori sede. Qualcuno ci ha riferito di aver chiesto prestiti alle banche pur di agevolare l’esperienza del figlio. Non ci pare che si possa parlare di educazione, di equità sociale e di eguaglianza nel diritto allo studio! Queste cose vanno dette anche nei panegirici ricorrenti sull’Erasmus che ora, quasi beffardamente, si chiama anche Plus! E’ colpa del sistema e del progetto? E’ colpa delle università e degli stati che investono poco e male distribuendo in modo inefficace le risorse ricevute? Fatto sta che occorrerebbe una riforma e una rimodulazione tali da rendere la Carta dei diritti e dei doveri dello studente Erasmus un testo realistico e rispettato.

draft-student-charter_en

Categorie
Emergency equità sociele europa eventi geopolitica

Migrare nell’Europa senza confini.Ancora un déjà vu?

Non commentiamo ma giriamo questo bel racconto di realtà vissuta.
https://www.facebook.com/candida.nastrucci/posts/10153578575542394

Nantes 2014 Giuseppe Campagnoli
Categorie
europa geopolitica Grecia mediterraneo Politica

Stati confederati del mediterraneo. Una provocazione?

cropped-cropped-cropped-cropped-img_0473.jpg

La storia recente ci insegna che l’egoismo e il rigore luterano di alcuni paesi dell’Europa hanno spesso provocato drammi nel nostro continente. L’unione europea solo economica e finanziaria senza una forte condivisione politica e anche culturale non esiste e non potrà mai esistere. La questione dell’immigrazione, quella della Grecia oggi e dei PIGS ( il nome rende bene l’idea  pregiudiziale di parte di paesi d’Europa) ieri, spingono a considerare altre vie politiche e geografiche per il nostro continente. E’ una provocazione, ma non tanto. Immaginiamo uno scenario geopolitico fantastico ma non del tutto peregrino. Le insuperabili barriere storiche e culturali, oltre che geografiche e climatiche, fanno propendere per un diverso assetto dell’Europa. Un assetto che si potrebbe costruire gradualmente in qualche decennio e che risolverebbe non pochi problemi. Se il detto “una faccia una razza” non individua solo parentele fisionomiche ma anche basi comuni culturali e storiche profonde e radicate, è utile riflettere sul senso che ha una unione tra stati che hanno poco o nulla in comune se non un passato di guerre e di reciproche invasioni, prima religiose e militari poi politiche ed economiche. L’organizzazione e il rigore fondate sull’egoismo e sulla voglia di primato a scapito di alcune libertà, della creatività e della solidarietà non durano a lungo.

Allora occorre, forse, prendere altre strade. Una potrebbe essere quella di prefigurare una Europa sempre interconnessa ma politicamente ed economicamente distinta in tre aree, o meglio, forse, in tre stati confederati. Uno che comprendesse le nazioni del centro e nord europa, uno quelle dell’est europa e uno quelle del sud. Tre stati confederati autonomi e indipendenti ma. comunque, legati da accordi economici e politici temporanei.

I paesi del mediterraneo, i cosiddetti PIGS, diventerebbero uno stato confederato sovrano magari una volta che le forze progressiste e democratiche come Siriza o Podemos ottenessero la fiducia dei rispettivi popoli e arrivassero a governarli. Le comuni radici storiche, consolidate definitivamente in epoca classica, aiuterebbero a capirsi e a condividere una comune politica e una comune economia basata prevalentemente sull’agricoltura, il turismo, la cultura, l’arte e la creatività gestendo e forse riuscendo a superare insieme i problemi endemici come la corruzione, la malavita, l’immigrazione massiccia con le ricette che in molti casi abbiamo anche esportato nel mondo. E’ inutile  pretendere di costringere alla convivenza popoli che diffidano per storia e stereotipi l’uno dell’altro e che meritano vie diverse per la crescita e il progresso.  Sarebbe ora di farci un pensiero senza ipocrisie, ammettendo che le cose anche di nobile origine non sempre possono andare a buon fine come i nostri padri politici europei avevano, forse visionariamente, immaginato.

Giuseppe Campagnoli

Categorie
arte della politica cittadini crescita decrescita Ecomomia economia sostenibilità equità sociele europa Italia Varia umanità

Pensando alla Grecia…e all’Italia. Crescita contro l’equità sociale.

di Giuseppe Campagnoli Giuseppe-Campagnoli

20140201-120107.jpg

La dipendenza dalla crescita: cause e soluzioni alle crisi.

Ogni attività di commercio e di pubblicità consiste nel creare bisogni in un mondo che crolla sotto il meccanismo della produzione. Questo esige un tasso di rinnovo e di consumo dei prodotti sempre più rapido, e,di conseguenza,una produzione dei rifiuti sempre più forte e un’attività di smaltimento sempre più importante.

Bernard Maris

Il destino della nostra società è legato a una organizzazione fondata sull’accumulo illimitato. Questo sistema è condannato alla crescita. Nel momento in cui questa rallenta o si blocca,come sta avvenendo, è la crisi o  persino il panico. Ritroviamo il detto:  “Accumulate, accumulate, questa la legge  dei profeti del capitale” del vecchio Marx. Questa necessità rende la crescita una camicia di forza. Il posto di lavoro, il pagamento delle pensioni, il rinnovo delle spese pubbliche ( educazione, sicurezza, giustizia, cultura, trasporti, sanità, ecc) presuppongono l’aumento costante del prodotto interno lordo (PIL). “L’unico antidoto alla disoccupazione permanente è la crescita”, insiste Nicolas Baverez il  “declinologo” vicino a Sarkozy, supportato in questo,per paradosso, da molti noglobal. Alla fine il circolo virtuoso diventa un circolo infernale.. La vita del lavoratore si riduce sempre più spesso a quella di un “biogisteur” che metabolizza il salario con la merce e la merce con il salario, passando dalla fabbrica al supermercato e dal supermercato alla fabbrica.

Tre sono gli ingredienti necessari perché la società consumistica possa continuare il suo girotondo diabolico: la pubblicità, che suscita il desiderio di consumare, il credito, che ne crea i mezzi e l’obsolescenza accelerata e programmata dei prodotti, che ne rinnova la necessità. Queste tre molle della società della crescita sono delle vere e proprie spinte al crimine ed alla diseguagliaza sociale”

Noi aggiungiamo che gli strumenti a volte inconsapevoli, il più delle volte complici sono la politica asservita al capitale, gli evasori fiscali e gli accumulatori di beni e capitali,la pubblicità,le banche,le imprese,i commercianti e i professionisti dei servizi.

Le prime vittime designate sono l’esistenza dei cittadini, l’educazione, l’istruzione,la salute,la mobilità,la cultura e l’arte. I carnefici sempre gli stessi: imprese, finanza, banche, mercato, governi e politica. È inutile girarci intorno e fare inutili distinguo.

Categorie
europa immigrazione migranti

Piano B

di Giuseppe Campagnoli Giuseppe-Campagnoli

Piano B. Plan B. L’dea geniale di Renzi. Le genius de Renzi.

Giuseppe Campagnoli 15 Giugno 2015

 FullSizeRender