Categorie
banche Benefattori capitalismo competizione consumatori crescita decrescita Economia economia sostenibilità Fame nel mondo geopolitica guerre immigrazione mercato multinazionali proprietà Ricchezza e povertà

Tasse: per superare il plusvalore e creare la società degli eguali

Prendo spunto da un mio vecchio editoriale su La Stampa « Plusvalore e disvalore » per declinare il concetto di tasse come un formidabile deus ex machina capace di equilibrare economicamente la società fino a condurla ad un assetto da società degli eguali. Al di là dei marchingegni politico propagandistici delle tasse progressive o di quelle flat comunque fondate più o meno sull’iniquità e sul disequilibrio, una tassa sana e giusta oltre ad essere ineluttabile (l’evasione è sanzionata in modo pesante e senza perdono) deve essere in grado di sancire l’idea che il diritto ad un reddito e al possesso di beni per avere funzione sociale  (come si recita nelle più avanzate carte costituzionali dall’era moderna in poi) deve avere dei limiti in baso ed in alto tali da preservare le garanzie ad una vita dignitosa (con pane e companatico) e a dei servizi fondamentali (salute, istruzione, abitazione,tempo libero) uguali per tutti. Ciò comporta che la tassazione deve giocoforza ricondurre redditi, rendite e patrimoni a livelli minimi (vita dignitosa) e massimi (vita un po’ più che dignitosa). Se si considera che un reddito minimo annuale ( assicurati i servizi essenziali e i benefits di cui si è detto) non possa andare al di sotto della soglia di una vita dignitosa ogni anno, un reddito massimo, patrimoni compresi (in base all’investimento in studi, alla professione, ai rischi ed alle responsabilità) non può superare le 10 volte (e sarebbe più che generoso!) questo reddito minimo. Il resto diventerebbe evasione, furto o sottrazione al patrimonio comune di servizi fondamentali. La differenza all’interno di questa forbice (ammesso che l’accumulo sia proibito o contemperato da tasse che riconducano i minimi e i massimi entro limiti) dipende dalla capacità di risparmio o dalle scelte di investimento di quel plusvalore controllato tra il reddito di sopravvivenza  e il valore massimo percepito. Non ci sarebbe molto da fare. Allo stato attuale occorre “plafoner le revenues” con accorte politiche su salari, compensi e costi di merci e servizi, e imposizione di tasse calibrate sul mantenimento della forbice tra redditi minimi e massimi per ogni contribuente. I patrimoni esistenti finanziari o immobiliari o altro vanno tassati di conseguenza. Non si potrà più speculare privatamente su casa, salute, istruzione etc. e quindi il tutto andrà gradualmente ricondotto ai limiti di reddito, rendite e patrimoni indicati. Nessuno potrà avere in totale (tra guadagni, beni, investimenti etc.) più di dieci volte il reddito minimo. La tassazione provvede piano piano a ricondurre tutti al concetto di vita dignitosa eliminando ricchezza e quindi povertà senza di fatto livellare pesantemente alcunché. Tutti  saranno liberi di guadagnare ed avere beni entro questi ragionevoli limiti! Non è abbastanza?

Se una forza politica  si impegnasse in un progetto del genere sarei il primo a darle il voto. Altrimenti astensione, in attesa di tempi migliori, lottando per tempi migliori. Con l’equità sociale così concepita il mondo potrebbe vincere sulla fame, sullo sfruttamento, sulla povertà e forse anche sulle guerre. Non più mercanti ingordi e padroni , non più competizione e classi, non più homo homini lupus.  Tutti sarebbero egualmente ricchi ed egualmente poveri senza dover rinunciare praticamente a nulla se non al lusso ed all’ipersuperfluo. E non sarebbe utopia perchè potrebbe essere applicata senza sforzo da domani stesso, solo che si volesse.

Giuseppe Campagnoli Dicembre 2017

 

 

 

Categorie
Architettura arte arte della politica associazioni Auguri città cultura didattica Economia edilizia edilizia scolastica Educazione Educazione all'arte equità sociele Filosofia filosofia pop geopolitica giuseppecampagnoli istruzione artistica marche migranti ministro dell'istruzione montelabbate Musei oltre le aule pedagogia Scuola scuole d'arte Sociale sviluppo sostenibile verità

Educazione,scuola,cultura,diffuse.Purchè di qualità.

Prima di andare in vacanza anche se c’è chi dice che da dieci anni lo sia perennemente, vorrei fare una serie di riflessioni a mo’ di aforismi sulle ultime note di ReseArt.

Abbiamo avuto l’immenso piacere di vedere crescere l’idea della Città educante nata con il nostro (Paolo Mottana & Giuseppe Campagnoli) Manifesto dell’educazione diffusa pubblicato dall’editore Asterios di Trieste proprio in questo scorcio di anno. La crescita, supportata da numerosi eventi di presentazione del libro, seminari, convegni e piccole letture bibliotecarie, ha avuto qualche piccolo nemico ed ostacolo che sulla via della costruzione di nuovi modi e luoghi dell’educazione  sono stati poco più che dei sassolini.

fullsizeoutput_2682

A  Settembre riprenderà più vigoroso il cammino con la preparazione di esperimenti in diverse città e quartieri e con nuovi confronti di idee, anche contrapposte , con chi non si sia arroccato sulle sue conformiste o paraistituzionali verità. Facendo repertorio di buone pratiche e buone idee la piccola rivoluzione dell’educazione e delle sue architetture avrà tanto slancio da diventare grande e veramente diffusa!

APPUNTI PER IL DISEGNO DELLA CITTA’EDUCANTE

La nostra idea di #scuolasenzamura fondata sulla controeducazione tende progressivamente a fare a meno di edifici e reclusori scolastici dedicati, tende a fare a meno dell’edilizia scolastica in favore della città educante che fa dei suoi luoghi collettivi ed aperti, pubblici e privati che siano, degli spazi per educare, insegnare, apprendere. Il mercato vorrebbe costruire altre scuole e investire in cemento, mattoni, legno…tutto più o meno eco. Numerose joint venture tra pedagogisti, architetti e produttori di arredi scolastici sono omogenee a questa visione liberista e fanno di tutto per teorizzare “spazi che insegnano”, “ambienti di apprendimento” aperti ma sempre delimitati e architetture pedagogiche, sostenendo a spada tratta che si debbano progettare e costruire ancora edifici scolastici. Fanno di tutto per trasformare aule in non meglio identificati spazi di apprendimento che non sono altro che un imbellettamento dei vecchi ambiti con arredi new age e tecno, con spostamenti di banchi e sedie, piccoli soggiorni pedagogici, cucinini studenteschi e cromatismo a gogo. La “scuola diffusa” non sono tanti edifici diffusi per il territorio, non sono un insieme di aule moderniste ma pur sempre aule. La scuola e l’educazione diffusa non sono i kit dell’IKEA che dopo le casette fai da te, agli uffici fai da te, pensa anche alle scuole fai da te. La scuola diffusa fa parte di una idea realmente rivoluzionaria dell’educazione e dei suoi luoghi, un’idea che non può che contestare e criticare decisamente chi invece vuole agire ancora come ai tempi di Papini.  Tranquilli: gli architetti avranno ancora da fare, forse di più e meglio, agendo nel disegno della città, individuando ed esaltando virtù educative in tanti spazi e manufatti urbani, trasformandoli e arricchendoli. E anche gli educatori avranno da fare, forse molto, molto di più. 

BD7BACAB-A85B-43F7-A36E-31287C9CD276

Abbiamo anche parlato di lavoro, di religione, di guerre e di terrorismo, di tutte le arti belle e brutte dell’uomo, del bricolage artistico che spaccia dei semianalfabeti dell’estetica per artisti sopraffini ai fini del solito mercato. Abbiamo parlato dei tutti fotografi, tutti pittori, tutti scrittori e tutti cantanti, e anche ahinoi tutti calciatori e mezzibusti.Un popolo di italici velleitari. Abbiamo fatto rifatto le pulci alle kermesse paraculturali che imperversano per l’Italia con i soliti raccomandati, con le associazioni no profit che di no profit hanno appena il nome e riescono chissà come per anni ad avere sempre le ricche sponsorizzazioni pubbliche e dei privati che con il pubblico hanno molto a che fare. Abbiamo stigmatizzato le false promesse dei governanti pro tempore e le false illusioni degli oppositori anch’essi sotto padrone che solleticano sempre la pancia della gente ma non la sua mente. Abbiamo fatto inc’zzare qualcuno ed esultare molti. Ci hanno elogiato, condiviso e anche abbracciato, ci hanno pure insultato, bannato e bandito da qualche social con la coda lunga fino al polo nord. Ma nessuno ha mai dubitato che le nostre cose ironiche e a volte sarcastiche avessero un fondo molto solido di verità. Le code di paglia non hanno preso fuoco e in quasi un lustro di attività non abbiamo conosciuto un avvocato! Buona estate 2017 a tutti! A presto!

Giuseppe Campagnoli

Giovanni Contardi

Idrione il centurione

Researtù

e tutti i  nostri validi collaboratori fluttuanti…

!5 Luglio 2017

 

Categorie
analfabetismo Charlie Hebdo cittadini Corano cristianesimo cultura ebraismo Educazione europa geopolitica guerra immigrazione intolleranza islam Satira scienza Scintoismo Varia umanità

ReseArt e Charlie Hebdo

Helwa ya baladi. Versione strumentale pop.

“Per il mio dolce paese”

 

Ubi maior minor cessat…Ma ognuno contribuisce ad usare la satira per combattere la cieca violenza in nome della superstizione e delle bugie degli uomini per sottomettere altri uomini. Un collage di cultura contro la non cultura e la barbarie.

  
  

Categorie
Emergency equità sociele europa eventi geopolitica

Migrare nell’Europa senza confini.Ancora un déjà vu?

Non commentiamo ma giriamo questo bel racconto di realtà vissuta.
https://www.facebook.com/candida.nastrucci/posts/10153578575542394

Nantes 2014 Giuseppe Campagnoli
Categorie
europa geopolitica Grecia mediterraneo Politica

Stati confederati del mediterraneo. Una provocazione?

cropped-cropped-cropped-cropped-img_0473.jpg

La storia recente ci insegna che l’egoismo e il rigore luterano di alcuni paesi dell’Europa hanno spesso provocato drammi nel nostro continente. L’unione europea solo economica e finanziaria senza una forte condivisione politica e anche culturale non esiste e non potrà mai esistere. La questione dell’immigrazione, quella della Grecia oggi e dei PIGS ( il nome rende bene l’idea  pregiudiziale di parte di paesi d’Europa) ieri, spingono a considerare altre vie politiche e geografiche per il nostro continente. E’ una provocazione, ma non tanto. Immaginiamo uno scenario geopolitico fantastico ma non del tutto peregrino. Le insuperabili barriere storiche e culturali, oltre che geografiche e climatiche, fanno propendere per un diverso assetto dell’Europa. Un assetto che si potrebbe costruire gradualmente in qualche decennio e che risolverebbe non pochi problemi. Se il detto “una faccia una razza” non individua solo parentele fisionomiche ma anche basi comuni culturali e storiche profonde e radicate, è utile riflettere sul senso che ha una unione tra stati che hanno poco o nulla in comune se non un passato di guerre e di reciproche invasioni, prima religiose e militari poi politiche ed economiche. L’organizzazione e il rigore fondate sull’egoismo e sulla voglia di primato a scapito di alcune libertà, della creatività e della solidarietà non durano a lungo.

Allora occorre, forse, prendere altre strade. Una potrebbe essere quella di prefigurare una Europa sempre interconnessa ma politicamente ed economicamente distinta in tre aree, o meglio, forse, in tre stati confederati. Uno che comprendesse le nazioni del centro e nord europa, uno quelle dell’est europa e uno quelle del sud. Tre stati confederati autonomi e indipendenti ma. comunque, legati da accordi economici e politici temporanei.

I paesi del mediterraneo, i cosiddetti PIGS, diventerebbero uno stato confederato sovrano magari una volta che le forze progressiste e democratiche come Siriza o Podemos ottenessero la fiducia dei rispettivi popoli e arrivassero a governarli. Le comuni radici storiche, consolidate definitivamente in epoca classica, aiuterebbero a capirsi e a condividere una comune politica e una comune economia basata prevalentemente sull’agricoltura, il turismo, la cultura, l’arte e la creatività gestendo e forse riuscendo a superare insieme i problemi endemici come la corruzione, la malavita, l’immigrazione massiccia con le ricette che in molti casi abbiamo anche esportato nel mondo. E’ inutile  pretendere di costringere alla convivenza popoli che diffidano per storia e stereotipi l’uno dell’altro e che meritano vie diverse per la crescita e il progresso.  Sarebbe ora di farci un pensiero senza ipocrisie, ammettendo che le cose anche di nobile origine non sempre possono andare a buon fine come i nostri padri politici europei avevano, forse visionariamente, immaginato.

Giuseppe Campagnoli