Categorie
Architettura giuseppe campagnoli marche recanati

Recanati sparita. Marzo 2015.

di Giuseppe Campagnoli Giuseppe-Campagnoli

    Appuntamento con l’arte. La prima puntata di “Recanati Sparita” a cura di Giuseppe Campagnoli. Martedì 24 Marzo su Radioerre Recanati con Nikla Cingolani.

L’architettura della cittadina leopardiana in una storia “favolosa” un po’ autobiografica.

Autocitandomi dal pamphlet “Questione di Stile” una doverosa premessa sull’architettura moderna e contemporanea riguarda chi progetta. Recanati è stato una specie di laboratorio sui generis in architettura e la summa esemplare dei beni e dei mali italiani in questo campo, oltre che, per inciso, la mia palestra di giovane architetto.

Secondo una specie di dato statistico demografico, culturale ed ambientale riferito al contesto europeo, a Recanati spetterebbero oggi non più di 10 progettisti qualificati in architettura. Il mercato (quello che solo da noi vede geometri, periti edili, periti agrari, ingegneri di tutti i tipi arrogantemente in pista per fare architettura) è un’altra cosa. Sappiamo che il mercato è contro l’ambiente e la qualità, ma l’ipocrisia e il liberismo sono ahimè ancora vincenti. Chi perde sono insieme la città, l’ambiente, il territorio, la qualità della vita e l’equità sociale. Recanati non ha fatto eccezione. Partendo da queste premesse contemporanee vorrei percorrere la storia dei muri di Recanati attraverso la mia esperienza personale che si è conclusa alla fine degli anni ’90 con l’episodio tormentato del restauro del Castello di Montefiore. Cominciai il mio dialogo con la città di Recanati da architetto neo laureato nel lontano 1974 insieme ai miei compagni di viaggio fino all’inizio degli anni ’80, poi da solo. Orgogliosamente e coerentemente ho sempre provato ad applicare, interpolandoli saggiamente, gli insegnamenti dei miei maestri Roberto Pane, Aldo Rossi, Uberto Siola e Salvatore Di Pasquale. Mi sono dedicato molto all’architettura pubblica per l’educazione e la cultura e meno alla residenza, con sperimentazioni e provocazioni che i miei clienti illuminati hanno sempre saputo accettare. All’epoca Recanati conservava ancora un minimo di fisionomia urbana accettabile e riconoscibile nonostante i primi danni si fossero  già verificati fin dagli anni ’60 con i ritorni in provincia del boom edilizio italiano e i primi piani urbanistici  spesso più dedicati alla speculazione intenzionalmente o per limiti normativi. La forma di città lineare di crinale era ancora percepibile da ogni accesso e le periferie vere e proprie, popolari o residenziali che fossero, non si erano ancora formate. C’era una cintura a ridosso della circonvallazione fatta di case popolari ancora dignitose e frutto di eredità architettoniche di tutto rispetto.

P1110664

La  convinzione che non vi dovesse essere urbanistica e pianificazione basata su norme e standards ma solo architettura e disegno urbano mi ha dato, nel tempo, ragione. A Recanati, oggi, è come se ci si trovasse difronte a un piccolo museo esemplare dei fatti e misfatti architettonici italiani, ma anche di alcune, isolate nel tempo e nello spazio, felici intuizioni. Il centro storico, le prime espansioni disordinate dei piani di fabbricazione, quelle ordinate ma “ad usum delphini” della speculazione edilizia che ha tradito, come era prevedibile, anche le buone intenzioni del primo PRG e delle sue trasformazione, gli interventi pubblici occasionali e raramente di qualità, i monumenti autocelebrativi di non pochi architetti autoctoni ed esotici, in genere eclettici e imitatori, possono suggerire una specie di percorso didattico su come non si debba fare architettura, come poche rare eccezioni. Con l’industrializzazione e il fabbisogno di case anche in un paese come Recanati partiva l’espansione nelle aree periferiche sottratte alla campagna, spesso senza alcun distinguo idrogeologico (non erano d’obbligo le indagini geognostiche) o paesaggistico se non dove l’orografia era più favorevole e non c’erano o non c’erano ancora vincoli storico-artistici. L’architettura, se così si può definire, la facevano le imprese edili più che i pianificatori e gli architetti. Da qui ragioneremo nelle chiacchierate che seguiranno per riconoscere i prodromi e le cause di ciò che vediamo oggi e perché, parafrasando la “Roma sparita”, si può parlare di “Recanati Sparita”, nascosta dietro la cortina di nebbia dell’ eclettismo di “bassa edilizia” che accoglie il visitatore nelle prime periferie della città.

P1110648

 P1110640

Categorie
Architettura Varia umanità

Recanati sparita.

di Giuseppe Campagnoli Giuseppe-Campagnoli

Molte sono le ipotesi sull’origine “urbanistica” di Recanati. Monaldo Leopardi ne tratta nei suoi “Annali di Recanati” ed altri autori ne hanno scritto. Certa è invece l’evoluzione recente, a partire dai primi del ‘900. La fisionomia di città di crinale, con la caratteristica forma a “gabbiano” (oggi di difficile individuazione), viene alterata nel tempo con l’occupazione diffusa e disordinata (non c’è stato alcun ordine nella filosofia pianificatoria della burocrazia negli ultimi cinquant’anni se non di natura speculativa)  degli spazi tra i colli originari. Fortunatamente, nel tempo, è stato in qualche modo  preservato lo skyline a monte, verso Macerata e l’Appennino, per motivi orografici e grazie ad alcune provvidenziali norme di tutela. Dopo il passaggio da un’economia mercantile e artigianale ad una prevalentemente agricola, con il declino della fiera dal XVI secolo, scompare gradualmente la struttura porticata del centro mentre è nel  XIX secolo che avvengono le trasformazioni più di impatto sul disegno della città, segnando l’avvio di una sequenza di modifiche estremamente negative anche dal punto di vista del microclima saggiamente creato nel centro storico dagli anonimi architetti medievali nell’urbanizzare i colli del crinale. La serie di interventi iniziati con la costruzione del nuovo edificio comunale ed il disegno della grande piazza, entrambi  decisamente fuori scala, la demolizione di conventi di San Domenico e San Francesco e l’inserimento di un percorso di circonvallazione che incide il monte Tabor chiudendolo alla vista diretta della campagna, (cfr.Giacomo Leopardi) tutti ottocenteschi, si conclude degnamente con lo sventramento del periodo fascista, che genera la bruttissima Via 1° Luglio, peggiorata con i recenti discutibili inserti scultorei nelle presuntuose nicchie. Il disegno del borgo, negli anni successivi, si completa con  la costruzione scellerata della torre dell’acquedotto accanto al complesso di Sant’Agostino, del mercato accanto a Palazzo Venieri e degli interventi in sostituzione dell’intorno della demolita Porta San Francesco. La città, avviata alla deturpazione già dagli anni ’50 e ’60, viene definitivamente compromessa negli ultimi quarant’anni di attività panificatorie sfuggite di mano per incompetenza o messe in atto in malafede, nonostante le buone intenzioni di alcuni illuminati episodi di pianificazione generale e particolareggiata molto “architettoniche” e poco “urbanistiche” dalla fine degli anni’70 ai  primi anni ’80. L’applicazione delle poche buone norme e  indicazioni urbanistiche, a parte qualche virtuoso esempio nella ristrutturazione e recupero del centro storico, cui anche il sottoscritto partecipò per alcuni edifici significativi ubicati ai poli principali della città (Castelnuovo,Via Falleroni,Via Roma,Piazzale dei Cappuccini), ha portato alla fisionomia espansiva speculativa che, ahimè, si può ancora apprezzare, ad esempio , nei nuovi quartieri delle Grazie, di Villa Teresa, San Lorenzo, Fratesca, San Francesco e negli  insediamenti residenziali lungo Via del Mare come nelle zone industriali. In questo quadro, non fa eccezione l’edilizia pubblica, rara e generalmente di scarsa qualità. Anche qui ho avuto esperienze dirette e  tormentate già raccontate a suo tempo in una specie di saga: quella della progettazione, nel 1977, insieme agli architetti Paolo Basilici e Sergio Tarducci,  della Scuola Media di Villa Teresa che poi fu realizzata, tra le nostre aperte contestazioni, in modo assai difforme dal Comune e quella della progettazione, nel 1988, del restauro e recupero del Castello di Montefiore che ebbe anche uno strascico civile e amministrativo di oltre un decennio senza, naturalmente, alcun esito di concreta realizzazione ma per fortuna con  un nostro sostanziale successo intellettuale e, in minor misura, anche finanziario. L’immagine  attuale della città è quella non proprio edificante che appare oggi agli occhi del visitatore, con le ultime ciliegine dell’ascensore leopardiano di cui ho già scritto  in una lettera su “La Stampa”, e dell’indicibile parcheggio urbano sotto il municipio. Continueremo con degli approfondimenti su questa narrazione in  anteprima con delle puntate dedicate agli episodi più significativi e discussi di questa storia urbana.

Giuseppe Campagnoli, Dicembre 2014

From Google Maps. Recanati oggi: il gabbiano diventa un cappone!

Recanati oggi

Dettagli

IMG_2109

IMG_2115

IMG_2113

Categorie
Varia umanità

Chi è causa del suo mal…

di Giuseppe Campagnoli Giuseppe-Campagnoli

Immagine

Ripropongo, ad uso e consumo di quelle che si definiscono “nuove”, “trasparenti” ed “ecologiche” amministrazioni locali un vecchio/nuovo articolo apparso anche su La Stampa di Torino perchè poteva ben riguardare tanti esempi diffusi nel nostro italico territorio. Il pezzo, questa volta è corredato da una immagine che non ha bisogno di commenti ma che dovrebbe far riflettere su ciò che è urgente fare per eliminare tutte quelle anestetiche macchie grigie di un paesaggio che avrebbe ancora (non so per quanto tempo) delle forti connotazioni di bene ambientale e storico-artistico. Quelle macchie oscure sono state colpevolmente realizzate con la scusa di uno sviluppo che non era e non sarà certamente più compatibile con l’insieme dei beni naturali e storici. Lo è stato invece per chi ci si è arricchito nel tempo e continua forse a farlo anche oggi.

Chi è causa del suo mal

Viviamo in un’area del centro nord una volta ricca di un importante distretto produttivo monotematico.

Quasi 15 anni fa fu commissionato dalle amministrazioni locali uno studio sullo sviluppo industriale della zona nel ventennio successivo. Gli esperti dissero che se non ci si fosse riconvertiti ad altre attività sarebbe stata la fine. Nessun imprenditore seguì il consiglio tecnico pensando solo al proprio immediato alto profitto e ora è successo quello che era stato previsto. Fin dagli anni 90 abbiamo assistito a imprese commerciali improvvisate che poi hanno dovuto chiudere nel giro di un anno e si era in tempi in cui il credito veniva erogato senza tanti complimenti. Solo uno sprovveduto avrebbe potuto pensare che la pacchia sarebbe durata più di 10 anni.

Anche oggi si vedono numerosi esercizi commerciali con gli stessi prodotti nel raggio di 100-200 metri! E’ la concorrenza? No. E’ la follia. Si è buttata a mare l’agricoltura disseminando le campagne di falsi agriturismi (in parte sovvenzionati a fondo perduto) turismo e cultura lasciati a una libera impresa spesso impreparata e votata ad alti profitti in tempi brevi. Le banche nel frattempo hanno fatto il loro dubbio lavoro dando soldi a chi non li meritava e dato il colpo di grazia ad un mercato già viziato dall’improvvisazione imprenditoriale e dalla mancata pianificazione produttiva… La tragedia è che ci stanno rimettendo le persone preparate, oneste e non venali che si trovano sia nel pubblico che nel privato tra quelli che lavorano il tempo necessario, raggiungono gli obbiettivi, guadagnano il giusto e pagano tutte le tasse spesso per avere i servizi inefficienti per colpa di chi non le paga.

Per risollevarsi occorre puntare prima sull’istruzione, sulla ricerca, sulla limitazione all’iniziativa privata imprenditoriale e commerciale quando provocano danni alla collettività.

Per risollevarsi occorre  investire  nei soli settori che in Italia possono rendere: agricoltura, cultura, turismo, artigianato, manifattura di qualità! Non sarebbe stato difficile! E non è ancora impossibile.”

Giuseppe Campagnoli