Categorie
Architettura Education Educazione pedagogia Scuola Varia umanità

Gaia educazione diffusa

Presentiamo la versione definitiva del documentario “Gaia educazione diffusa” di Barbara Ferrari e Francesca Pennati. All’interno riprese dal Convegno di Milano del Maggio 2018 “Ma sei fuori?!” dove è stata lanciata l’idea della redazione e pubblicazione del  Manifesto operativo della educazione diffusa per avviare sperimentazioni e iniziative.

https://youtu.be/4nGCIi8gwIk

 

 

volantino adesioni 2019 l manifesto della educazione diffusa

In contemporanea l’avvio del corso di formazione per studenti, docenti ed edcatori progettato e interamente tenuto dal Prof. Paolo Mottana.

PROGRAMMA
Gli incontri consistono in parti seminariali e parti esperienziali.
Possono essere seguiti come percorso o singolarmente.
Il sabato dalle 15.00 alle 18.00 nelle date qui riportate:
  • 02.03.19 – Apprendere per passione (lezione e discussione)
  • 16.03.19 – Apprendere dall’esperienza e insegnare attraverso l’esperienza (lezione e discussione)
  • 30.03.19 – Spazio e tempo nella gaia educazione diffusa (discussione e ricerca d’aula)
  • 13.04.19 – L’imprinting formativo (lezione e esercitazione)
  • 04.05.19 – Il mèntore e il gruppo (lezione e discussione)
  • 18.05.19 – Il curricolo di educazione diffusa (lezione e esercitazione)
Il contributo per il singolo incontro è di 30€ e per l’intero percorso 150€.
Per partecipare occorre essere soci IRIS (contributo annuale associativo 10€)
Gli incontri si terranno presso LA CORTE DEI MIRACOLI, in via Mortara 4 a Milano (vicino alla stazione di P.ta Genova).
I POSTI SONO LIMITATI, VERRA’ DATA PRECEDENZA ALLE ISCRIZIONI PER L’INTERO PERCORSO.
TERMINE ISCRIZIONI AL CORSO IL 20 FEBBRAIO 2019
LE ISCRIZIONI AI SINGOLI INCONTRI VENGONO RACCOLTE FINO A MASSIMO 10 GIORNI PRIMA DELLA DATA
UNA VOLTA AVUTA CONFERMA DELL’ISCRIZIONE VERRA’ CHIESTO IL VERSAMENTO DELLA QUOTA TRAMITE BONIFICO
Iscrizione a questo link
Per info: immaginale.iris@gmail.com
Scarica il volantino a questo volantino ged

 

volantino-ged.jpg

 

Paolo Mottana è professore di filosofia dell’educazione e di Ermeneutica della formazione e pratiche immaginaliall’Università di Milano Bicocca, ha insegnato anche all’Università di Firenze e all’Accademia di Belle Arti di Milano. Ha diretto le due edizioni del Master in Culture simboliche per le professioni dell’arte, dell’educazione e della cura. Nel 2006 insieme al suo gruppo di ricerca ha fondato l’Associazione IRIS (Istituto di Ricerche Immaginalie Simboliche & Controeducazione) che indirizza le sue ricerche da una parte alla riflessione intorno al ruolo dell’immagine simbolica nell’educazione e dall’altra alle prospettive di una controeducazioneradicale e libertaria. Ha collaborato con Riccardo Massa come suo allievo, in seguito ha riorientatoil suo orizzonte di ricerca verso la tradizione della filosofia simbolico-immaginaleche ha tra i suoi esponenti Gilbert Durand, Henry Corbin, Carl Gustav Jung, James Hillmane Jean-Jacques Wunenburger, e ha fondato un approccio di ricerca e di formazione cui ha attribuito il nome di pedagogia immaginale. Recentemente ha promosso, oltre alla controeducazione, la gaia educazione, i sapore niccianoe con precisi riferimenti ad autori della antipedagogia e della contestazione radicale come René Schérer, Raoul Vaneigeme HakimBey (uniti nel riferimento alle visioni eutopistichedi Charles Fourier). 

Le teorie pedagogiche di Paolo Mottana si trovano nei seguenti testi:
P.Mottana, PiccoloManuale di controeducazione(2011, Mimesis)
P.Mottana, Lagaia educazione(2015, Mimesis)
P.Mottana, Caro insegnante. Amichevoli suggestioni per godere (l)a scuola( 2007, Franco Angeli)
G.Campagnoli, P.Mottana, Lacittà educante. Manifesto della educazione diffusa. Come oltrepassare la scuola (2016, Asterios)
L.Gallo, P.Mottana, Educazionediffusa. Per salvare il mondo e i bambini(2017, Dissensi Edizioni)

Per approfondimenti: http://www.paolomottana.it

Paolo Mottana ha messo a punto, insieme a Giuseppe Campagnoli, un approccio all’educazione volto a ripristinare il rapporto sociale tra bambini, adolescenti e adulti compromesso dalla reclusione scolastica, che va sotto il nome di educazione diffusa. Dal 2017 con l’associazione IRIS sta progettando in varie città di Italia classi sperimentali di educazione diffusa, coinvolgendo scuole referenti istituzionali, famiglie, associazioni e cooperative che operano in ambito educativo.

Il quartiere

Giuseppe Campagnoli, architetto ricercatore e saggista operante nel campo dell’educazione e della formazione in campo artistico e dell’architettura dell’educazione.
Già Dirigente Scolastico e responsabile Ufficio Studi Direzione Scolastica Regionale per le Marche del MIURfino al 2006.
Già nella lista degli esperti dell’ Education, Audiovisual and Culture Executive Agency della Commissione Europea e dell’UNESCO nel campo della cultura dell’education e della creatività fino al 2012.
Fondatore e Amministratore del blog multidisciplinare ReseArt.com dove scrive di scuola, architettura, arte, politica e varia umanità.

 Books and essays

“L’architettura della città” Franco Angeli Milano 2007

“I luoghi da amare” Secondo manifesto della scuola marchigiana 2010 USR Marche

Voce edilizia scolastica in “Voci della scuola” Tecnodid 2010

Letters on La Stampa di Torino:

“Costruire scuole” Ottobre 2010

“La scuola oltre le mura” Dicembre 2014

Essays on Educationdue.0 Edizioni RCS:

“La scuola luogo o non luogo?” Aprile 2011

“La scuola diffusa: provocazione o utopia? Gennaio 2012

“Linee guida per l’edilizia scolastica: un passo avanti? Giugno 2013

“Gli spazi della scuola nel territorio” Dicembre 2014

“Quale modello di orario” Marzo 2016

Essays on“La Rivista dell’istruzione” Maggioli editore Rimini

“E se la chiamassimo architettura scolastica?” Dicembre 2011

“Aule senza confini” Agosto 2014

Workshop “La scuola diffusa nella città educante” on “La scuola diffusa: oltre le aule” Cesena (Italy) 12 Settembre

2016

“La scuola senza mura” sul Blog ReseArt (www.researt.comand ebooks:

“Questione di stile” and “Oltre le aule” ReseArt Productions Pesaro (Italy) 2014 e 2015

 2017

Giuseppe Campagnoli e Paolo Mottana “La città educante” Manifesto della educazione diffusa. Come oltrepassare la scuola.”  Asterios Editore Trieste

2018

Articolo vari su ReseArt, Comune-info, Innovatio educativa, La rivista della scuolaIl disegno della città educante. Autoproduzione ReseArt e Youcanprint. Prima edizione

 

 

ReseArt  1 FEBBRAIO 2019

Categorie
Architettura controeducazione edifici scolastici Educazione giuseppe campagnoli Scuola

Ma sei fuori!?

 

A un anno dall’uscita de “La città educante.Manifesto della educazione diffusa” di Paolo Mottana e Giuseppe Campagnoli, Asterios editore Trieste un convegno sulla educazione diffusa a Milano organizzato da Quartiereeducante, uno degli esperimenti di controeducazione nati in Italia recentemente e ispirati in qualche modo al Manifesto. Si parlerà non solo di educazione ma anche dei luoghi della città e del territorio teatri fondamentali ed essenziali dell’educazione dell’uomo per oltrepassare definitivamente mura scolastiche. L’architettura della città che diventa e si fa scenario della crescita e dell’apprendimento dei bambini, dei giovani e degli adulti insieme. L’architettura che finalmente non è un involucro o un contenitore ma essa stessa vita e spazio di vita. Si tratta di un’alternativa radicale all’istituzione scolastica attuale. Si debbono rimettere bambini e ragazzi in circolazione nella società che, a sua volta, deve assumere in maniera diffusa il suo ruolo educativo e formativo. La scuola dove ridursi a una base, un portale ove organizzare attività che devono poi realizzarsi nel mondo reale, tramite un progressivo adeguamento reciproco delle esigenze delle attività pubbliche e private interessate, degli insegnanti e dei ragazzi e bambini stessi. Un processo di medio-lungo periodo che tuttavia potrebbe sviluppare esperienze pilota in molti luoghi interessati e intanto mettere a punto gli strumenti urbanistici, viabilistici, legislativi e educativi in senso stretto per raggiungere tale scopo. All’apprendimento carcerario e iperprotettivo della scuola e dei suoi casamenti, privo di motivazione e connessione con la realtà si sostituisce un apprendimento realizzato in esperienze concrete, non certo accolte così come sono, ma rielaborate, riflettute e criticate dagli allievi stessi in luoghi mirati. Non più insegnanti di discipline ma mentori, guide, conduttori capaci di agevolare i percorsi di interconnessione quanto di saper creare sempre maggior autonomia e autoorganizzazione. I ragazzi e i bambini nel mondo costituirebbero una nuova linfa da troppo tempo emarginata e costringerebbero la società e il lavoro a ripensarsi, a rallentare e a interrogarsi.

 

img_3829

MA SEI FUORI ?!
Gaia educazione diffusa per l’infanzia e l’adolescenza.Un’occasione di riflessione, confronto e progettazione partendo dalla proposta pedagogica di Paolo Mottana.
Rivolto a insegnanti, educatori, dirigenti scolastici, genitori e tutti coloro abbiano a cuore l’educazione di bambine e bambini e ragazze e ragazzi. Dal primo incontro pubblico del 9 settembre i lavori di Quartiere Educante sono proseguiti positivamente: abbiamo intrapreso strade, sebbene non in discesa, comunque percorribili per la realizzazione di quanto ci eravamo prefissati. Sempre più pensiamo che un modo diverso di “fare scuola” non solo sia desiderato da molti e auspicabile, ma anche possibile!
Ne parleremo insieme al convegno allargando il discorso anche ad altre esperienze e con il contributo di esperti del settore.

Nella mattina alla tavola rotonda interverranno:

* Paolo Mottana – Docente di Filosofia dell’Educazione presso l’Università di Milano Bicocca
* Loredana Leoni – Dirigente tecnico Miur
* Remo Rostagno – Drammaturgo, insegnante
* Filippo Trasatti – Pedagogista, insegnante
* Andrea Fianco – Psicologo e psicoterapeuta

Nel pomeriggio verranno illustrati esperienze e progetti:

* Quartiere Educante con Gabriella Conte – Dirigente Scolastico
* Educazione Diffusa e Montessori con Sonia Coluccelli–Formatrice Montessori
* La città Educante con Giuseppe Campagnoli –Esperto di architettura scolastica
* Le pietre che narrano … Paesaggi futuri del-La città educante con Antonio Giulio Cosentino – Insegnante, geologo
* Quartieri Spagnoli, Quartiere Educante di Napoli con Rachele Furfaro–Responsabile progetto

Si stanno organizzando dei laboratori per bambini e ragazzi che si svolgeranno in contemporanea presso altre sale del teatro. Seguiranno dettagli.

Il convegno è organizzato da IRIS (Istituto Ricerche Immaginali e Simboliche e Controeducazione) patrocinato dal Municipio 6 – Comune di Milano e in collaborazione con CSTG (Centro Studi di Terapie della Gestalt) e Teatro del Buratto.

 

Iscrizioni a questo link: https://goo.gl/forms/C3oUk

convegno_MA_SEI_FUORI

Categorie
Architettura crowdfunding edilizia scolastica Educazione istruzione Scuola Scuola italiana

L’anno della scuola senza mura.

Potrebbe essere l’anno della svolta nelle sperimentazioni del Manifesto della educazione diffusa e della città educante. Per anticipare in termini semplici e operativi i contenuti del Disegno della città educante che dovrebbe essere a breve pubblicato in versione cartacea, propongo delle brevi linee guida utili a chi sta già sperimentando o vorrà farlo nei quartieri e nelle città.

POSTER BRESSANONE

Il coinvolgimento di una amministrazione locale è essenziale o quanto meno auspicabile per garantire un  minimo di risorse economiche distratte virtuosamente dalla rinuncia a costruire nuove scuole e dalle economie derivanti dal non dover più fare manutenzione e gestione per gli edifici scolastici dismessi. In prima battuta, oltre alla stesura di un canovaccio educativo di attività ed iniziative per i gruppi o le classi coinvolti, alla scelta di insegnanti e  mentori, delle tematiche fondamentali e dei traguardi da condividere con famiglie e gli studenti  nelle diverse fasce d’età, sarà indispensabile costruire un sodalizio flessibile e un patto, sottoscritto per impegno, tra associazioni, cooperative, gruppi culturali, enti pubblici e privati, laboratori e botteghe intenzionati a collaborare e dare il loro contributo alla realizzazione della educazione diffusa. Le amministrazioni e i vari soggetti coinvolti individueranno insieme agli educatori, alle famiglie, ai cittadini ed esperti che vi si vorranno impegnare, una teoria di luoghi utili della città per la realizzazione del progetto, a partire dal “portale”  (per un quartiere) o dai “portali” (per le città medie e grandi) che saranno le basi  per la diffusione educativa urbana come descritto in modo approfondito nei testi fondamentali citati in premessa. Con l’insieme delle risorse finanziarie, politiche e culturali che si uniranno in questo sforzo, sarà possibile avviare il disegno di una città nuova che assumesse un ruolo pedagogico permanente e continuo. Il soggetto promotore in prima istanza potrebbe essere una scuola, un comune, un’ associazione culturale, un gruppo di cittadini , di genitori, di insegnanti…

fullsizeoutput_bfa

Il nodo delle risorse economiche è comunque un problema fondamentale che potrebbe anche essere affrontato avviando serie iniziative di crowdfunding, candidature a progetti nazionali ed europei, ricerca di investitori e di sponsors senza scopo di lucro visto che il progetto è assolutamente di natura etica e sociale. Chi vorrà lavorare in questa direzione in Italia e anche all’estero o lo sta già facendo dovrebbe collegarsi in rete e condividere tematiche, obbiettivi e modalità di realizzazione della Città educante. Nella parte architettonica e urbana, si metterà a punto  un piano di recupero e trasformazione di luoghi come musei, biblioteche, teatri, vecchie scuole, vecchi edifici di culto, botteghe e opifici, piazze, cortili e giardini. Questi avranno dei nuovi spazi dedicati al confronto, alla ricerca ed all’apprendere integrati con quelli delle funzioni specifiche e non più esclusive dei luoghi. I famosi portali della città educante, da progettare e costruire o collocare in manufatti già esistenti da far rinascere a vita nuova, saranno un bel coacervo di auditorium , di piazzette coperte, di biblioteche e librerie, di cinema e teatri chiusi e aperti, di caffè, di botteghe artigiane e mercantili dove tanti cittadini in formazione vivranno la loro giornata o muoveranno i loro passi verso gli innumerevoli luoghi educanti riguadagnati alla città. Invece di costruire nuove scuole, nuovi finti villaggi outlet e centri commerciali, nuovi multisala e teatri megagalattici, il pubblico e il privato discreto, l’associazionismo e il volontariato, gli artigiani e i mercanti virtuosi insieme agli artisti, agli educatori, agli architetti  e ai muratori e costruttori progetteranno e realizzeranno la grande CasaMatta (cfr “La città educante. Manifesto della educazione diffusa) multifunzione. Niente di nuovo sotto il sole ma uno spazio ancora valido che rivive come le antiche piazze composite del medioevo e del rinascimento in una “basilica” del sapere,del saper fare e del fare tutti e tre in simultanea.

fullsizeoutput_1a

A Milano e Monza qualcosa si sta muovendo nella direzione giusta.

MONZA

“La Monza che lavora sulla città educante di Paolo Mottana e di Giuseppe Campagnoli per farne una realtà cittadina. Il gruppo nasce come luogo di incontro e confronto e come base organizzativa per incontri ed eventi che sensibilizzino la cittadinanza al tema della controeducazione e della educazione diffusa. Il gruppo non deve essere utilizzato per proporre offerte commerciali, pubblicità’ , ed eventi a meno che non siano strettamente connessi al progetto e alle sue finalita’.”

https://www.facebook.com/groups/educazionediffusamonzese/

MILANO

“Sono passati poco più di quattro mesi dal fatidico incontro a Base Milano e il progetto Quartiere Educante ha proseguito con tenecia ed entusiasmo, accogliendo sempre più sostenitori (1621 followers!) e cominciando a riscontrare interesse anche da parte di alcune Istituzioni (Assessorato all’Educazione del Comune di Milano e Municipio 6) e di enti del terzo settore. In questi mesi le nostre energie si sono concetrate in particolare per la realizzazione della sperimentazione e insieme a due scuole secondarie di I grado di Milano, con il sostegno del Municipio 6 e di molte realità territoriali che si sono mostrate disponibili a collaborare, abbiamo elaborato la nostra Proposta di sperimentazione. Siamo così giunti al passaggio cruciale: il vaglio della Proposta di sperimentazione da parte dell’Ufficio Scolastico per la Lombardia e successivamente del Miur. Siamo in attesa di essere convocati per un incontro. Da qui capiremo come proseguire e se riusciremo a realizzare le due classi pilota già da settembre 2018. Nel sito www.quartiereeducante.com potete trovare maggiori informazioni e nuovi video con interventi di Paolo Mottana (anche al Senato!). Ricordiamo che Quartiere Educante è anche su Facebook: www.facebook.com/quartiereeducante e che per informazioni potete scrivere a: quartiereeducante@gmail.com”

 IN QUARTIEREDUCANTE MILANO 6

 

fullsizeoutput_e9a

 

Giuseppe Campagnoli

Pesaro 1 Febbraio 2018