Archivi tag: giuseppe campagnoli

Censura sottile (2) La prova

di Giuseppe Campagnoli Giuseppe-Campagnoli

Immagine

Come volevasi dimostrare. Le lettere e gli editoriali inviati e firmati giuseppe campagnoli non sono stati più pubblicati su La Stampa da quando espressi in uno di essi delle critiche sui redditi e i lauti stipendi di alcuni giornalisti e conduttori tv che si dicono laici e liberali. Oggi, invece, un mio scritto (firmato cautamente con uno pseudonimo) è di nuovo apparso tra gli editoriali.

Povera Italia…

La Stampa del 10 Marzo 2014:  “L’Arte è ricchezza”

giuseppe campagnoli

 

 

Il Liberty a Forlì

Immagine

Ho visitato la mostra non più di due settimane fa. Domenica, pochi visitatori e un percorso di vista agevole ma un po’ confuso. Pochi i nomi di richiamo, a parte Segantini e qualche altro. Mi è sembrata la solita antologia di minori con qualche nome-civetta qua e là. Molti ritratti e manifesti di pubblicità, qualche arredo e suppellettile. Laboratori di moda per fare cose liberty un po’ infantili. Una kermesse un po’ velleitaria.

Cito dalla presentazione web che conferma, mettendo le mani avanti, le mie riserve : “Analogamente, quel sogno voleva far rivivere l’antico splendore culturale, rideclinando con una sensibilità tutta attuale, definita dall’Estetismo e dall’eredità dei Preraffaelliti inglesi, un Rinascimento identificato tra la linearità sentimentale e femminile di Botticelli e la tensione eroica di Michelangelo. È per questo che la mostra intende identificare, per la prima volta rispetto alle diverse rassegne dedicate nel passato al Liberty, le specificità di uno stile attraverso una serie di capolavori della pittura e della scultura, che, seppur di artisti di formazione, poetica e linguaggio diversi, come Segantini, Previati, Boldini, Sartorio, De Carolis, Longoni, Morbelli, Nomellini, Kienerk, Chini, Casorati, Zecchin, Bistolfi, Canonica, Trentacoste, Andreotti, Baccarini rivelano contenuti e messaggi comuni, con i quali sono scandite le sezioni dedicate al mito, all’allegoria, al paesaggio declinato tra tensioni simboliste e una ricerca dell’assoluto che ci farà incantare davanti ai dipinti dedicati alla rappresentazione dei ghiacciai, visti come l’immagine della “montagna incantata” di Thomas Mann. Il rilievo dato alle arti maggiori, che non ha escluso anche confronti con modelli ed interlocutori stranieri come Klinger, Klimt, von Stuck, Beardsley, Khnopff, Burne-Jones, ha voluto favorire un dialogo nuovo con le altre tecniche ed espressioni artistiche in una identificazione di quei valori decorativi che vengono confrontati con quelli pittorici e plastici nelle sezioni dedicate alla grafica, all’illustrazione, ai manifesti pubblicitari e alle infinite manifestazioni dell’architettura e delle arti applicate. Così i ferri battuti di Mazzucotelli e Bellotto;  le ceramiche di Chini, Baccarini, Cambellotti, Spertini, Calzi; i manifesti di Dudovich, Hohenstein, Boccioni, Terzi, Mataloni, Beltrame, Palanti; i mobili di Zen, Issel, Basile, Bugatti, Fontana; i vestiti di Eleonora Duse, i merletti di Aemilia Ars e gli arazzi di Zecchin vivono di nuovi confronti. Ne emerge una figura del Liberty che è nella sostanza uno stile della vita. La sua rappresentazione è la linea sinuosa, fluttuante, che rispecchia nel segno, nel suo stesso divenire, il movimento in atto. Protagonista indiscussa è la donna, figura ad un tempo fragile, superba e carnale, immagine del piacere e della libertà.”

Immagine

Da criticare l’allestimento e la mancanza di un suggerimento per un percorso di visita coerente. Anche l’illuminazione mi è sembrata improvvisata e tecnicamente non all’altezza. Non ho potuto documentare (non certo da professionista e per lucro!) fotograficamente la mia visita perché erano vietate le riprese, anche con strumenti amatoriali, a causa del diritto di proprietà e riproduzione che incombe ancora sulla cultura e sulla sua libera gratuita fruizione e divulgazione.

Questa è l’unica testimonianza di quella giornata in quel luogo d’arte carpita come autoritratto, presso la pinacoteca comunale,  tra  grandi opere della pittura italiana!

Giuseppe Campagnoli

88x31

Gramellini. La lettera incriminata (2)

di Giuseppe Campagnoli Giuseppe-Campagnoli

Immagine

Questa la lettera,inviata diverse volte, anche in forma edulcorata, che non fu mai pubblicata.

“Si ripete in TV il solito meschino teatrino dei conduttori di chiara fama, anche sedicenti progressisti, che continuano a schernirsi, tra lazzi e battute, dicendo che i loro lauti e smisurati compensi vengono dalla pubblicità e non dal canone. Mi sono sentito doppiamente raggirato poiché è palese che si aggiunge la beffa al danno di un mercato subdolo e speculatore che usa la tv pubblica come quella privata per turlupinare i consumatori ingenui sponsorizzando format che si presentano spesso come culturali e di servizio, con l’unico scopo di aumentare i loro non sempre meritati profitti.
I famosi giornalisti, conduttori e comici quando si sentono chiamati in causa (excusatio non petita… ) nelle saccocce, si affrettano con animosità a difendere il loro diritto di arricchirsi “onestamente” ritenendo che sia giusto e soprattutto commisurato ad una vita dignitosa (!) lo stipendio sicuramente superiore ai 5000 Euro al mese che qualsiasi bravo professionista meriterebbe per compensare il suo lavoro e soddisfare i suoi legittimi bisogni.
Queste ripetute e, a volte piagnucolose o accalorate, pubbliche autodifese dei vecchi e nuovi divi dello spettacolo e dei media mi fanno riflettere sui professionisti, sui meriti e sui guadagni.
Se ammettiamo che un conduttore televisivo, o un comico rampante, seppure onesti contribuenti, debbano giocoforza guadagnare un milione di euro l’anno per un mestiere che, perdonatemi, non avrebbe proprio una ineluttabile valenza civile, se non quella di alimentare il consumo dei prodotti dei generosi sponsors, quanto dovrebbe guadagnare un insegnante, un preside, un medico ospedaliero,un magistrato, un poliziotto e tutte quelle figure portatrici senza clamore ed esibizionismo di vera efficienza sociale?”

Giuseppe Campagnoli

88x31