Archivi categoria: Educazione diffusa

Schiaffi al merito

La cooperazione è meglio della competizione

AIDA N’DIAYE su Libération

Traduzione di GCampagnoli

La farfalla Monarca

Dopo il dituttodipiù dei soliti ed insoliti italici pontificatori in fatto di scuola e di società di cui ormai non se ne può più, leggiamo un parere d’oltralpe apparso oggi su Libération, un giornale un tempo sovversivo oggi soltanto cautamente liberaleggiante.

A voi!

“Competizione piuttosto che cooperazione: schiaffi alla meritocrazia.

Quale soluzione migliore del merito potremmo sognare in una società che si pretende a tutti i costi meritocratica? Chi non vorrebbe dare agli studenti il senso dell’impegno e il gusto del lavoro valorizzando e premiando i più meritevoli? Eppure…Nelle grandi città francesi, più di un terzo degli alunni della scuola secondaria frequentano istituti privati. Queste cifre sono tanto più allarmanti in quanto, in modo più o meno condiviso, la scuola resta l’istituzione da cui ci aspettiamo collettivamente che mantenga o rafforzi il legame sociale. Come ridare allora tutto il suo senso e il suo posto alla scuola e, più in particolare, alla scuola pubblica? Come restituire agli studenti e agli insegnanti il gusto della scuola? Tale questione emerge periodicamente nel dibattito pubblico e politico. A destra come a sinistra, una stessa risposta, uno stesso valore sembrano imporsi come un’evidenza per offrire una soluzione alle difficoltà che il nostro sistema scolastico incontra: il merito.

Ma è poi un principio buono per pensare e organizzare la società in generale e la scuola in particolare? Non avremmo tutto da guadagnare se smettessimo di vedervi l’alfa e l’omega di una società giusta? L’idea di merito presuppone innanzitutto che basti volere per potere (in altre parole, che «quando si vuole si può») e poi che il lavoro paghi (in altre parole, che gli sforzi compiuti siano sistematicamente coronati da successo). Ma questo non è affatto scontato. Infatti se tutto è solo una questione di volontà, bisognerebbe che questa volontà sia alimentata da una motivazione solida: incoraggiamenti, un contesto favorevole, un incontro che ci aprirà delle porte, ecc., sono alcuni degli elementi che possono fornirci le condizioni favorevoli a giustificare impegno e lavoro. Chiediamoci anche perché questi sforzi si potranno rivelare proficui: quali condizioni devono essere soddisfatte affinché il lavoro che svolgo sia sinonimo di successo nel senso economico o sociale del termine? Anche qui il contesto storico, culturale, sociale, ecc., svolge un ruolo determinante.

Tutte queste ragioni fanno sì che non ci si possa accontentare di dire che chi riesce lo deve al suo solo merito, con il corollario che chi non ci riesce avrebbe fallito. È proprio per questo motivo che l’ambiente sociale di origine resta una variabile che influenza fortemente e in modo determinante i percorsi scolastici Siamo dunque lontani da una meritocrazia, cioè da una società in cui gli unici sforzi compiuti determinerebbero il successo degli individui. Ma si può andare ancora oltre nel rimettere in questione la meritocrazia. La critichiamo perché riteniamo che non sia efficace. Dicendo questo, riconosciamo che si potrebbe aspirare ad un’autentica meritocrazia, cioè ad una ripartizione dei beni materiali o simbolici che siano legittimati da ciò che sarebbe dovuto a ciascuno ( “a ciascuno secondo il suo merito”) e non secondo censo o ricchezza. Sarebbe innegabilmente un sistema cui aspirare. Ma sarebbe un sistema il cui principio di fondo sarebbe di ricompensare gli individui mettendoli in competizione gli uni con gli altri.

Il sistema scolastico è così amante delle procedure che, classifica gli studenti, organizzando così una sorta di grande mercato della scuola in cui gli studenti si confrontano e in cui il successo degli uni avviene a scapito di quello degli altri. In questo sistema non si tiene assolutamente conto del fatto che i percorsi non sono mai strettamente individuali. Ciò che una meritocrazia, anche possibile, dimentica dunque fondamentalmente, è questo dato ineluttabile, che il successo non è mai realizzato da un solo uomo o da una sola donna. Ciò a cui dobbiamo aspirare per rendere gli studenti esseri completi per partecipare di una società complessa è un sistema scolastico che valorizzi la cooperazione al posto della concorrenza e della competizione. Mi sembra imperativo che la scuola si occupi di questo argomento lasciando il posto, fin dalla più tenera età, alla collaborazione. Perché non prevedere, a tutti i livelli, spazi di tempo dedicati al volontariato, ad altre attività o ad un impegno associativo? Sarebbe così facile prevedere la partecipazione di tutti i bambini e ragazzi a un lavoro ecologico o sociale, radicato localmente. Sarebbe un primo passo per rendere la scuola un luogo in cui i bambini e i ragazzi crescono insieme e non l’uno contro l’altro. In altro modo stento a vedere come la società verso cui tendiamo potrebbe essere qualcosa di diverso da uno spazio di competizione generalizzata, in cui – come il sociologo Michael Young ha disegnato quando ha configurato l’idea di meritocrazia nel 1968 – le disuguaglianze sono giustificate dal presunto merito di pochi e la rivolta di fronte a questo dominio legittimato dal presunto merito finirà necessariamente e giustamente per esplodere.”

Piccoli passi verso un’idea diversa di educazione? Forse da noi, scongiurando ulteriori terribili retrocessioni dell’attuale contingenza politica, si è un po’ più avanti con tante proposte di innovazione o vera e propria rivoluzione come la nostra educazione diffusa. Perfino il nostro articolo su Le Télémaque pare sia apparso come all’avanguardia nel panorama pedagogico francese!

Ma già trattare il merito come un paradigma da eliminare è un grande avanzamento, visto che il nostro establishment dell’istruzione ha voluto mettersi un distintivo che perfino i più tiepidi in fatto di educazione innovativa stanno contestando.

Giuseppe Campagnoli 30 Novembre 2022

Breviario dell’educazione diffusa.

Molti continuano a chiedere cosa sia l’educazione diffusa. Oltre ai libri e ai numerosi articoli sull’argomento che suscita sempre più interesse non solo nel mondo scolastico c’è un saggio di cui abbiamo già detto, pubblicato nel 2021 sulla rivista accademica francese Le Télémaque che potrebbe essere considerato una specie di breviario ad uso di chi si avvicinasse per la prima volta all’educazione diffusa. Qui si propone per la prima volta una traduzione integrale che è possibile scaricare qui:


Rimini: prove di educazione diffusa

Si è trattato di un bellissimo seminario, realizzato con la collaborazione di Paesaggi educativi e il patrocinio del Comune di Rimini, dedicato a insegnanti, educatori, associazioni, genitori, amministratori e anche cittadini interessati. La partecipazione secondo le aspettative è stata coinvolgente, appassionata e veramente utile. Persino il tempo ci ha regalato di tutto, vento, temporale, sole, caldo e freddo. C’erano educatori ed insegnanti in realtà pubbliche, parentali, paritarie e anche rappresentanti di amministrazioni locali e di associazioni dedicate all’educazione ed alle aree di coinvolgimento esperienziale. Nonostante il boicottaggio meccanico della piattaforma Zoom (zum,zum,zum,zum,zum!! che ci ha fatto uno scherzaccio sul fronte delle registrazioni audio, lasciandoci invece belle immagini da cinema muto, possiamo ricostruire per sommi capi l’accaduto in maniera multimediale.

La mattina del primo giorno Paolo Mottana ha inquadrato le idee dell’educazione diffusa sul campo, prefigurando un diverso sistema educativo in una accezione pubblica rivoluzionata, articolato in una serie di ambiti del percorso, che abbandona all’inizio il concetto di “nido”, per non sottrarre i neonati al gruppo e alla cosiddetta famiglia, mentre affiderà i bambini alla collettività a partire dai 3 anni con il momento dell’infanzia, caratterizzato dal GIOCO. II segmento della cosiddetta primaria si sviluppa per 5 anni dedicati alla SCOPERTA per proseguire con un periodo di 3 anni più 2 destinati all’ESPLORAZIONE ed altri 2 anni da dedicare alla DIFFERENZIAZIONE. Il tutto comincia a svilupparsi nelle cosidette AREE DI ESPERIENZA così declinate:

1-Area del servizio sociale

2-Area del lavoro

3-Area della natura

4-Area dell’espressività simbolica

5-Area della corporeità

6-Area della ricerca e indagine

Ad ogni raggruppamento di esperienze appartengono luoghi della città e del territorio, saperi e competenze trasversali, integrate, occasionali, incidentali o basilari, come strumenti per le conoscenze indispensabili per la vita o anche no, come per le diverse attività ad essa afferenti. Le guide, i mentori, gli esperti occasionali sono sempre presenti e si alternano in varie forme e in tempi diversi.

Nella dissertazione è parte fondamentale la descrizione degli ambiti di conoscenza (strumenti di analisi della realtà, lettura, comunicazione, arti, sport, lingue, teatro, educazione alla corporeità, alla convivenza ed azione sociale…) con esemplificazioni dei percorsi e delle infinite possibilità di interazione con il territorio in funzione anche della evocazione e induzione (absit la perfida e meccanica deduzione!) di innumerevoli choc educativi. (vedi anche “L’éducation diffuse et la ville éducatrice” Le Télémaque N°60 e “I tabù dell’educazione” di Paolo Mottana). Molte le interazioni con gli intervenuti e molti gli spunti per avviare sperimentazioni che possano condurre a prove concrete di educazione diffusa verso un radicale futuro mutamento.

Sempre nella prima giornata, dopo un giro di presentazione dei partecipanti si è parlato di città, architettura ed educazione con la presentazione di una serie di immagini descrittive del rapporto che si intende stabilire tra territorio, realtà urbana ed educazione diffusa, fino a prefigurare, attori, ruoli, scenari e possibilità di reale intervento anche attraverso (superando o aggirando) le norme e le consuetudini esistenti che hanno costituito spesso ostacoli rilevanti sui percorsi di cambiamento inventando sovente delle finte e gattopardesche innovazioni tra neoconservazione e bricolage pedagogico. Qui è riportata la presentazione senza commenti da scaricare.

Successivamente, viene impostata l’esercitazione da svolgersi nella giornata successiva sulla base di alcuni passi per la costruzione di un modello di una settimana che costituisce lo spunto per una progettazione modulata più a lungo termine di un esperimento di educazione diffusa. Qui sotto le indicazioni di base per i 4 gruppi costituiti in modo casuale:

La seconda giornata del seminario si è sviluppata attraverso i lavori dei gruppi sul tema indicato, con idee davvero interessanti e coinvolgenti, molto legate alle diverse realtà territoriali tenendo conto dei contesti di “scuola pubblica” e di città e territori ove operare, dall’Umbria alla Campania, dalle Marche al Veneto alla Romagna, tutte le provenienze dei partecipanti. Cammini e suggestioni tra teatri, radure, piazze, laboratori e officine, genti variegate, mari, boschi greppi e montagne, storie e controstorie borghi, città, campagne e addirittura circoli di camper e roulottes in guisa di tante aule vaganti!

In conclusione dell’incontro la testimonianza di insegnanti, educatori, genitori e ragazzi dell’Officina del fare e del sapere di Gubbio, l’antesignana in assoluto delle prove sul campo dell’educazione diffusa che ha coinvolto nel tempo la secondaria di primo grado (ormai arrivata al passaggio al secondo grado) fino attualmente all’esordio nella primaria. Evidente e significativo nel racconto l’impatto, all’atto delle prove di esame (&%$£!!??) di idoneità con una realtà ancora tremendamente ingessata e rigidamente nozionista di scuola pubblica. È proprio nella scuola pubblica che partiranno altre sperimentazioni per una sottile rivoluzione dall’interno con attività e prove di cambiamento nell’organizzazione, nella didattica, nei luoghi, nella valutazione.

Giuseppe Campagnoli 20 settembre 2022 S.E.&.0@#]!!